7 romanzi che sono migliori rispetto ai loro adattamenti cinematografici

La bussola d'oro, Nathaniel Hawtorn, La lettera scarlatta, Philip Pullman

La frase “il romanzo è migliore del film” è sicuramente una delle più pronunciate e sentite. Molto spesso infatti questa frase corrisponde a realtà (e non poche volte). Ci sono stati nella storia del cinema tentativi di adattamenti cinematografici di libri che non sono andati a buon fine. Vuoi per difficoltà di produzione, vuoi per mancato impegno di troupe e cast, questi film si sono rivelati un vero e proprio flop. Abbiamo riunito in questa lista ben sette romanzi i cui adattamenti cinematografici erano evitabili.

Ella Enchanted di Gail Carson Levine

I fan di quest romanzo saranno d’accordo sul fatto che un vero e proprio adattamento cinematografico di Ella Enchanted non esiste ancora. La rivisitazione di Cenerentola del 1997 di Levine , che ha ottenuto un prestigioso Newbery Honor, è stata adattata per lo schermo nel 2004, con Anne Hathaway nel ruolo da protagonista. Tuttavia il film non è stato per niente apprezzato, dato che il regista si è preso molte libertà, aggiungendo e togliendo scene amate dai fan e personaggi importanti. 

Come ha scritto David Rooney su Variety: “I cineasti hanno anche spinto il tono in un regno comico molto più scherzoso, che diluisce la chimica romantico-magica del libro, minimizzando la sua idea centrale di una rivisitazione di ” Cenerentola “.”

The Giver di Lois Lowry

Questo romanzo distopico per giovani adulti ha affascinato i lettori per oltre 25 anni. The Giver racconta la storia del dodicenne Jonas, che vive in una società che vive secondo il principio di “Sameness“, favorendo l’uguaglianza rispetto all’individualità. Il libro è stato ampiamente celebrato, vincendo la Newbery Medal del 1994 e comparendo nelle liste di lettura della scuola in tutto il paese. Tuttavia l’adattamento cinematografico del 2014 non ha lasciato il segno. Nonostante un cast notevole, tra cui Jeff Bridges, Meryl Streep e Taylor Swift, il film non è riuscito a conquistare il pubblico allo stesso modo del romanzo.

Probabilmente il problema più grande di questo film è stato il fatto che venne rilasciato durante un torrente di adattamenti distopici di giovani adulti. Stiamo parlando di Hunger Games e DivergentThe Giver ha fatto eco agli stessi temi di giovani eroi ed eroine che si sono ribellati alla società, ma hanno aggiunto poco al genere.

La lettera scarlatta di Nathaniel Hawthorne

Questa opera di narrativa storica del 1850 sulla colonia puritana della Baia del Massachusetts negli anni ’40 del secolo scorso ha ispirato una serie di adattamenti a film, pagine e palcoscenici. Ma il più bizzarro di questi potrebbe essere il film del 1995 con Demi Moore, Gary Oldman e Robert Duvall. Il film è stato disprezzato altamente dalla critica, raggiungendo il misero punteggio di 13% su Rotten Tomatoes. Questo film ha portato a casa il premio per il peggior remake o sequel ai Golden Raspberry Awards del 1995.

Il castello di vetro di Jeannette Walls

Questo incredibile libro raccoglie le memorie di Jeannette Walls, memorie legate soprattutto alla sua infanzia e alla disastrosa esperienza familiare che ha coinvolto anche i suoi fratelli. Lei e i suoi tre fratelli hanno sofferto durante anni turbolenti in una casa afflitta da povertà, alcolismo e violenza da parte dei loro genitori. Il film tratto da Il castello di vetro è stato elogiato per le encomiabili interpretazioni di attori come Brie Larson e Woody Harrelson. Tuttavia è stato criticato per aver attenuato le parti grintose di questa potente storia, come le condizioni grottesche e non sicure che Walls e i suoi fratelli hanno vissuto come bambini.
Il film continua a vendere facilmente con Walls e i suoi veri genitori quando ha più bisogno di generare emozioni crude e verità schiette“, ha scritto Peter Travers per Rolling Stones.

La bussola d’oro di Philip Pullman

La bussola d’oro è il primo capitolo di una delle trilogie fantasy più amate dai lettori: His Dark Materials. Questa prima parte della trilogia segue una ragazza di nome Lyra mentre intraprende una missione di salvataggio nell’Artico. Il film, ampiamente interpretato nel 2007, ha richiesto cinque anni per essere completato, rallentato da disaccordi sulla sceneggiatura e sulla regia. Nel 2002 lo studio acquistò i diritti per l’intera trilogia, la sceneggiatura venne affidata a Tom Stoppard e la regia a Chris Weitz. Tuttavia la sceneggiatura di Stoppard venne respinta e di conseguenza Weitz venne licenziato. Il progetto cadde nelle mani di Anand Tucker (regista), che però si dimise nel 2006. A quel punto Stoppard e Weitz ritornarono sui loro passi e realizzarono un film deludente e decisamente poco fedele alla trama del libro.

Amabili resti di Alice Sebold 

Questo romanzo di successo del 2002 racconta la storia di un’adolescente che viene violentata e assassinata e osserva la sua famiglia addolorata dal cielo. Il film può essere elogiato sul piano della recitazione grazie alle performance di Saoirse Ronan e Stanley Tucci nei panni della ragazza e del suo aggressore, ma ha poco altro da offrire. Gli spettatori si sono lamentati della poca partecipazione emotiva trasmessa dal film. Il film passa dalla spensieratezza alla pesantezza, allontanandosi completamente da tutto ciò che Alice Seibold era riuscita a fare attraverso le pagine del suo romanzo.

La ragazza del treno di Paula Hawkins

Il romanzo del 2015 ascrivibile al genere Thriller fu un best-seller istantaneo. Racconta la storia contorta di una donna alcolizzata che diventa ossessionata da una coppia apparentemente perfetta che vede dal finestrino di un treno che guida ogni giorno, per poi essere trascinata in un’indagine di polizia quando la moglie scompare. La protagonista del film uscito nel 2016 è Emily Blunt che ha fatto sicuramente un ottimo lavoro. Tuttavia la critica più ricorrente ricevuta dal film sta nel fatto che esso più che un thriller sembra un melodramma.

Blunt dà a Rachel più dimensioni – non potremmo mai vederla come un semplice pasticcio“, ha scritto Stephanie Zacharek per TIME. “Ma la sorpresa del film non serve molto al personaggio principale, nella migliore delle ipotesi giustifica il suo comportamento stalker.”

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.

Be the first to comment on "7 romanzi che sono migliori rispetto ai loro adattamenti cinematografici"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.