Bollywood e la fantascienza: passi da gigante per il cinema indiano

Kumar, Bollywood, CGI, India

Nel 2014 l’India aveva dato vita alla missione Orbiter Mars, ed è diventata la prima nazione a inviare un satellite in orbita attorno al pianeta al suo primo tentativo. La missione passò alla storia perché era stata gestita da un gruppo di sole scienziate, così come la seconda sonda lunare dell’India: Chandraayan-2 (dal sanscrito “mestiere della luna”). E mentre il paese si afferma come una potenza spaziale, gli indiani hanno sviluppato un certo appetito per i temi di fantascienza nel loro cinema.

Il re di Bollywood: Akshay Kumar

Uno dei maggiori esponenti del cinema indiano è senza ombra di dubbio Akshay Kumar. L’indiano è l’attore più pagato di Bollywood, di conseguenza il più pagato in India. Lo scoppio patriottico che seguì la missione su Marte ha fornito l’ultimo esempio del cinema spaziale indiano: Mission Mangal (sanscrito per Marte), un racconto immaginario della missione Orbiter. Interpretato e prodotto dall’attore di Bollywood Akshay Kumar, uscirà il 15 agosto, giorno dell’Indipendenza dell’India. 

Ho seguito con interesse le notizie sulle missioni spaziali dell’India e sono orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato”, afferma Kumar. “Ma attraverso Mission Mangal credo che potresti dire di aver vissuto la missione attraverso una prospettiva da addetto ai lavori.

Kumar afferma di aver desiderato a lungo collaborare con l’Indian Space Research Organization (ISRO). Recitare in un film su Mangalyaan gli ha richiesto la frequenza ad un corso intensivo di astrofisica. Ora capisco la quantità di sforzi e la pianificazione necessari per eseguire con successo una missione spaziale e il mio rispetto per tutti gli scienziati e ingegneri che lavorano in queste missioni è cresciuto immensamente“, commenta Kumar.

La fantascienza nel cinema indiano: dall’indipendenza indiana fino a “Koi … Mil Gaya”

La fantascienza non è un genere nuovo nel cinema indiano, ma non ha nulla di simile al profilo che ha in Occidente. Si è affermata solo dopo la liberalizzazione dell’economia del paese negli anni ’90, consentendo l’ingresso di canali satellitari e film stranieri, nonché di studi come Disney e Warner nella produzione di Bollywood. Il più grande successo è stato il film del 2003 Koi… Mil Gaya, un E.T. L’extraterrestre in cui Hrithik Roshan interpreta un ragazzo guarito dalla sua disabilità – a 20 anni infatti, non si è ancora diplomato in una scuola elementare – dal tocco magico di un alieno blu che fa amicizia con lui. L’alieno lo trasforma in una stello dello sport, magnete femminile e genio della matematica. Con forse la rappresentazione più cruda che si possa vedere di un adulto con difficoltà di apprendimento, Koi … Mil Gaya è stata la performance rivoluzionaria di Roshan, rendendolo una star e facendogli vincere il premio nazionale Filmfare.

Fortunatamente, la fantascienza si è spostata molto da allora, data la maggiore esposizione dell’India ai film stranieri. “Il pubblico indiano ha risposto con entusiasmo ai film spaziali e di fantascienza come la serie di Stae Wars o il franchise di Guardiani della Galassia“, afferma Kumar. “Sfortunatamente, è un genere che non è stato esplorato a Bollywood.”

Uno dei motivi potrebbe essere il fallimento al botteghino di Love Story 2050 nel 2008. Un film su viaggi nel tempo frenetici, ha battuto il record del budget del film in India. Tuttavia il suo mix di futurismo alla Mad Max, romanticismo fangoso e routine di canzoni e balli tradizionali di Bollywood è stato un flop.

Kumar si mostra però fiducioso nel pensare al futuro di questo genere in India, rammaricandosi per la sua mancata diffusione fino a questi anni. Questo è un genere di film che piace alle persone di tutte le età. Incoraggia le persone ad espandere la loro visione e i loro pensieri e fa credere davvero che anche l’impossibile possa diventare possibile. È sorprendente che i cineasti tradizionali indiani non abbiano abbracciato il genere come dovremmo. C’è decisamente molto potenziale. “

Risultati raggiunti da Bollywood e Kumar

Lo scorso anno Akshay Kumar è stato scelto come protagonista per il film 2.0. Un horror che è basato sui telefoni cellulari di Chennai che impazziscono e si organizzano contro l’umanità. Trama questa che ricorda un po’ Cell di Stephen King o anche Gli Uccelli di Hitchcock. Secondo quanto riferito con un budget di 76 milioni di dollari – che è costato più dell’intera missione di ISRO su Marte – la pellicola è stata una montagna russa visiva e un grande successo commerciale.

Una cosa che fa ben sperare i fan del cinema indiano è il netto miglioramento nel campo degli effetti speciali. Infatti mentre Koi … Mil Gaya sembrava un trasandato show televisivo anni ’80, gli ultimi film indiani mostrano un abile utilizzo del CGI, quasi alla maniera occidentale.

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.

Be the first to comment on "Bollywood e la fantascienza: passi da gigante per il cinema indiano"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.