Netflix adotta una politica sul fumo dopo la premiere di Stranger Things 3

Jim Hopper, Stranger Things, Stranger Things 2, Fumo

Come risultato da una ricerca, Stranger Things è il programma più popolare su Netflix, dopo Orange is the new Black e Fuller House, a violare le norme sul fumo di sigaretta. Netflix ha risposto a un nuovo rapporto che ha scoperto che la presenza del fumo nelle sue rappresentazioni sono triplicate lo scorso anno, impegnandosi a eliminare il fumo in tutti i programmi TV classificati TV-14 e inferiori o PG-13 e inferiori per i film. Questa campagna è partita subito dopo la premiere di Stranger Things 3. Ad intervenire circa il problema in questione sono stati gruppi come The Truth Initiative o il Surgeon General.

Netflix e il fumo: le dichiarazioni di un portavoce della piattaforma streaming

Così ha parlato un esponente di Netflix a EW circa il problema del fumo espresso nei programmi al suo interno:

Netflix supporta fortemente l’espressione artistica. Riconosciamo anche che il fumo è dannoso e quando viene ritratto positivamente sullo schermo può influenzare negativamente i giovani ” – e prosegue –  “Andando avanti, tutti i nuovi progetti che commissioniamo con le valutazioni di TV-14 o inferiori per serie o PG-13 o inferiori per film, saranno senza fumo e senza sigarette, tranne che per motivi di accuratezza storica o di fatti “.

Queste dunque saranno le prime misure adottate per andare contro quella che sembra la principale causa che porta giovani a fumare. Ma il problema non si limita solamente al fumo, in quanto anche rappresentazioni che ritraggono sesso, violenza e droga rappresentano un grave problema. Secondo il Surgeon General, le persone con più esposizione al tabacco nei film hanno il doppio delle probabilità di iniziare a fumare rispetto a quelle con meno esposizione.

Da The Truth Initiative parte campagna contro il fumo

Il rapporto sul fumo è stato commissionato dal gruppo di controllo anti-tabacco The Truth Initiative. Questo evidenzia le molteplici scoperte secondo cui i giovani hanno maggiori probabilità di iniziare a fumare se vedono i loro personaggi preferiti farlo in TV. Netflix è stato nominato il peggior autore di reato, con le sue raffigurazioni di utilizzo di tabacco quasi triplicate nell’ultimo anno.

Sotto la pressione della Truth Initiative nel 2007, la Motion Picture Association of America ha aggiunto il fumo come fattore nell’assegnazione di rating cinematografici, insieme a sesso, violenza e parolacce. Tuttavia, i servizi di streaming come Netflix, Hulu e Amazon non sono soggetti alle stesse restrizioni sui contenuti della televisione, provocando più casi di avvicinamento al sesso, alla violenza, alle imprecazioni e all’uso di tabacco. La programmazione per adulti non avrà restrizioni così stringenti, ma i creatori dovranno giustificare le loro scelte.

Per i nuovi progetti con rating più alti, non ci saranno né fumo né sigarette elettroniche. A meno che non sia essenziale per la visione creativa dell’artista o perché è la definizione del personaggio (storicamente o culturalmente importante)” – ha detto il portavoce di NetflixInoltre, a partire da fine anno, le informazioni sul fumo saranno incluse come parte delle nostre valutazioni sul servizio Netflix. In modo che i nostri membri possano fare scelte informate su ciò che guardano“.

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.

Be the first to comment on "Netflix adotta una politica sul fumo dopo la premiere di Stranger Things 3"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.