transformers

lineaconfine2

prossimamente

registi

attori

trailer

poster

backstage

bannerrecensionihome2

Prev Next Page:
Transformers 4: L'era dell'estinzione | Michael Bay
Le origini del male | John Pogue
Insieme per forza | Frank Coraci
Rio 2096: Una storia d’amore e furia | Luiz Bolognesi
Big Wedding | Justin Zackham
Tutte le storie di Piera | Peter Marcias
 Thermae Romae | Hideki Takeuchi
ADHD Rush Hour | Stella Savino
Carta bianca | Andrés Arce Maldonado
La città incantata | Hayao Miyazaki
Quel che sapeva Maisie | Scott McGehee, David Siegel
Le cose belle | Agostino Ferrente, Giovanni Piperno
Jersey Boys | Clint Eastwood
La pioggia che non cade | Marco Calvise
Tutte contro lui | Nick Cassavetes
La gelosia | Philippe Garrel

lineaconfine2

13.04.12a

Il Titanic non impattò contro un iceberg ma contro una nave aliena: Battleship, il blockbuster di Peter Berg tratto dall’omonimo gioco della Hasbro, ha affondato la riedizione in 3D di James Cameron, che dopo due settimane di proiezioni nelle sale italiane è fermo a quota sei milioni di euro, incalzato dall’avversario che ne ha guadagnati due in soli tre giorni. È evidente che gli amanti di fantascienza, azione ed effetti speciali hanno riempito i pochi giorni che li separano da The Avengers con le avventure degli agguerriti Taylor Kitsch e Rihanna. Non naviga invece in buone acque Biancaneve, che incassa quattro milioni di euro in quattordici giorni, poco se confrontati con il film in quarta posizione, Quasi amici, che inarrestabile continua a guadagnare, raggiungendo la ragguardevole cifra di tredici milioni di euro. Non male, invece, l’esordio di Diaz, progetto a lungo inseguito e prodotto da Domenico Procacci, un film il cui successo potrebbe essere determinato dal passaparola del pubblico. Lo incalza, a seguire, Bel Ami - Storia di un seduttore, film tratto dall’omonimo romanzo di Guy de Maupassant che porta al cinema tutte le fan di Robert Pattinson. Mentre va spegnendosi la Furia dei titani, che dovrebbe raggiungere i quattro milioni, è ufficialmente un flop l’ultimo film dei Vanzina, che dopo tre settimane non arriva neanche a quota tre milioni di euro. Un’era si è conclusa, anche i cine-panettoni hanno bisogno di un restyling.

13.04.12b

Dall’altra parte dell’oceano, in America, il film ciclone di Gary Ross (regista di Pleasentville) non accenna a fermare la sua avanzata; dopo quattro settimane, The Hunger Games è ancora al primo posto in classifica, con ben ventidue milioni di dollari guadagnati lo scorso weekend. Costato settantotto (più o meno quanto costò all’epoca Matrix), ne ha incassati finora oltre cinquecento in tutto il mondo, per la felicità della Lionsgate che l’ha prodotto. Rimasti orfani di Harry Potter, Il signore degli anelli e a breve Twilight, il popolo dei Fantasy sembra non accontentarsi del solo Games of Thrones e si è riversato in sala per sostenere questo primo capitolo tratto dalla trilogia romanzesca di Suzanne Collins. Esordiscono bene in sala l’ultima commedia dei fratelli Farrelly, The Three Stooges, e l’horror The Cabin in the Woods, mentre, contrariamente alle aspettative, Titanic 3D anche in America non fa registrare incassi record, assestandosi sotto i cinquanta milioni. Soddisfacenti i risultati del sequel di American Pie, American Reunion, e di Wrath of the Titans, che possono contare soprattutto sul mercato estero per recuperare con gli interessi i costi di produzione. Va indubbiamente maluccio, invece, Mirror Mirror, il remake di Biancaneve con Lily Collins e Julia Roberts: costato ottantacinque milioni, ne ha guadagnati complessivamente centotredici. Concludendo, dopo ben sette settimane, il film d’animazione Dr. Seuss' The Lorax (in Italia il primo giugno) si conferma una delle sorprese di questo periodo, con i suoi oltre duecentocinquanta milioni di dollari di incasso; al contrario, flop dell’anno è senza dubbio John Carter, che in un mese e mezzo è riuscito a stento a coprire i suoi costi di produzione, e solo grazie al mercato estero. 

approf

La bella addormentata nel bosco | Dal cartoon Disney a Maleficent

La bella addormentata nel bosco | Dal cartoon Disney a Maleficent

Un tempo le favole erano riservate solo al divertimento dei più piccoli che potevano godere e gioire dei tanti cartoni targati Disney. Ma dov'è scri...

Read more
Nick Cassavetes | L'uomo che si spinge al limite

Nick Cassavetes | L'uomo che si spinge al limite

Forse a causa della difficile eredità che si porta dietro – figlio di John Cassavetes e Gena Rowlands – o forse a causa dell’incapacità del regista ...

Read more
Serie TV Revival | Streghe

Serie TV Revival | Streghe

Il potere del trio coincide col mio. Questa è la formula magica più potente delle sorelle Halliwell, ovvero delle Streghe, in originale Charmed.&nbs...

Read more
Ian McKellen | Da Shakespeare a Magneto passando per la Terra di Mezzo

Ian McKellen | Da Shakespeare a Magneto passando per la Terra di Mezzo

Amato dal grande pubblico e venerato dalla critica di tutto il mondo, Sir Ian McKellen è uno dei pochi attori britannici della vecchia scuola che ries...

Read more