budapest

lineaconfine2

prossimamente

registi

attori

trailer

poster

backstage

bannerrecensionihome2

Prev Next Page:
Il venditore di medicine | Antonio Morabito
The Rocky Horror Picture Show | La recensione del film di Jim Sharman
In Nomine Satan | Emanuele Cerman
La sedia della felicità | Carlo Mazzacurati
Revolutionary Road | La recensione del film di Sam Mendes
Nodo alla gola | La recensione del film di Alfred Hitchcock
Onirica: Field of Dogs | Lech Majewski
Misterioso omicidio a Manhattan | La recensione del film di Woody Allen
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve | Felix Herngren
Moulin Rouge | La recensione del film di Baz Luhrmann
Nut Job: Operazione noccioline | Peter Lepeniotis
Transcendence | Wally Pfister
Ti sposo ma non troppo | Gabriele Pignotta
Rio 2: Missione Amazzonia | Carlos Saldanha
Song 'e Napule | Manetti Bros.
The Amazing Spider Man 2: Il potere di Electro | Marc Webb

lineaconfine2

Hip POP Europe

street-dance-2-sequel-quad

Grazie a un fortuito incontro, il giovane Eddie (George Sampson, vincitore del Britain's Got Talent 2008) propone ad Ash (Falk Hentschel) di sfidare, in un grande match a Parigi, la crew di street dance degli Invincible; prima, però, serve reclutare ballerini provenienti da ogni capitale europea e aggiungere alla loro tecnica già consolidata qualcosa in più, un ritmo differente da quello cui sono abituati e che solo una giovane ragazza francese, Eva (Sofia Boutella), potrà insegnargli.

Prosegue a velocità sostenuta l’assalto dell’Inghilterra allo strapotere dell’industria audiovisiva americana; osservando la vivacità sorprendente del mercato cinematografico e televisivo inglese, infatti, non v’è alcun dubbio che l’Inghilterra sia tra tutti i paesi europei l’unico in grado di competere con gli States in qualità, quantità e tenacia, pur essendo degni di nota gli sforzi di Germania, Francia e Spagna. Dopo aver ottenuto ottimi risultati con l’horror, la fantascienza e le produzioni seriali, la BBC si confronta nel 2010, grazie a Streetdance 3D, con un territorio tradizionalmente americano: l’hip hop. A fronte di cinque milioni e mezzo di dollari spesi, Streetdance 3D ne ha incassati 17 solo in Inghilterra e 29 nel resto mondo, segno che l’esperimento dei due registi di videoclip, Max Giwa e Dania Pasquini, aveva colto nel segno.

Forti di questo successo, i due ci riprovano ora con questo sequel, che appare leggermente più maturo del precedente capitolo, sia nei contenuti che nella tecnica. Pur riproponendo quasi pedissequamente l’idea della fusione tra generi di ballo, già messa in campo nello scorso film in cui danza classica e hip hop si mescolavano sulle note della Danza dei cavalieri di Prokofiev e dello Schiaccianoci di Tchaikovsky, stavolta l’idea di Giwa e Pasquini è ampliata e resa meglio. Abbandonato il set londinese, il film abbraccia l’intera Europa e riunisce idealmente i suoi diversi spiriti urbani, scegliendo come ballo da fondere all’hip hop una particolare versione di salsa acrobatica, ballata a Parigi. La danza diviene così il punto d’incontro non più di due differenti stili ma di due culture, rappresentate dai protagonisti: da un lato quella esibizionista e individualista dell’America (Ash), dall’altro quella passionale, umile e aperta all’incontro dell’Europa (Eva). Laddove in Streetdance 3D era una insegnante di danza classica (Charlotte Rampling, ancora incantevole) a prefiggersi l’intento di contaminare i suoi allievi con la street dance, stavolta è la street dance a prendere lezioni da Manu (un perfetto Tom Conti), lo zio francese della protagonista. L’evoluzione del personaggio maschile, che ridimensiona l’arroganza della propria danza narcisistica è, a tal proposito emblematica, e interpretabile come la subordinazione della street dance a un punto di vista più europeo, che privilegia coppia e sentimenti anziché testosterone e performance individuale. Pur essendo pieno di alcuni leitmotiv tipici del genere – la storia d’amore, il colpo di scena finale, l’imprevisto che rischia di far saltare tutto e via dicendo,– questo secondo capitolo sembra più equilibrato del precedente, troppo concentrato sulla leziosa e predominante protagonista.

Da Streetdance 2 3D non c’è da aspettarsi le coreografie ardite di Step Up 3D (in arrivo, a luglio, Step Up 4), né il medesimo dispendio di risorse; tuttavia, pur concentrandosi più sulla preparazione artistica che su scenografici duelli, il film riesce comunque a coinvolgere con la forza della musica, un ottimo montaggio e delle performance ovviamente degne di nota, ancora più articolate rispetto al primo film. Per quanto concerne il 3D, nonostante la discreta luminosità e una buona profondità, non si troverà molto più di qualche trovata effettistica che va dai popcorn lanciati in aria a braccia protese verso gli spettatori; alla fine, risultano essere più spettacolari i numerosi ralenti piuttosto che l’impiego degli occhialetti.

Concludendo, gli appassionati del genere (ma non solo) avranno di che gioire: una trama lineare che punta sul sicuro, acrobazie e coreografie elaborate, una colonna sonora ricchissima e un secondo, ancora acerbo tentativo da parte degli inglesi di europeizzare il cinema hip hop made in USA che sfocerà, c’è da scommetterci, in un terzo film in cui la crew europea espatrierà in America. Speriamo solo che per allora si sia posto rimedio all’unica grande pecca di Street dance 2 3D: il protagonista Falk Hentschel. Pettorali da favola, espressività legnosa come poche. 

Francesco Bonerba 

approf

Serie TV Revival | La Tata

Serie TV Revival | La Tata

Proprio nel mese di gennaio 2014 c’è stato il ventesimo anniversario de La tata, deliziosa serie TV degli anni ’90 che vantava una spumeggiante prot...

Read more
The Amazing Spider Man 2 | Il cast presenta il film a Roma

The Amazing Spider Man 2 | Il cast presenta il film a Roma

The Amazing Spider Man 2 arriva finalmente in Italia. È stato presentato oggi alla stampa italiana, presso il Grand Hotel St. Regis di Roma, il seco...

Read more
Il cinema surreale di Wes Anderson

Il cinema surreale di Wes Anderson

Eccentrico, surreale e color pastello. È il cinema di Wes Anderson, giovane texano dall’occhio sensibile che dagli anni ’90 influenza senza sos...

Read more
Top 10 | Le dieci migliori web series italiane

Top 10 | Le dieci migliori web series italiane

Sembra che la nuova sfida per i giovani amanti dell’audiovisivo, già da un po’ di tempo, sia il web… In particolare le tanto amate Web Series. Il be...

Read more