The Politician: il nuovo gioiello Netflix con Ben Platt

Ben Platt, Ryan Murphy, Astrid, Payton Hobart

Tra le diverse uscite mensili di Netflix una serie in particolare cattura l’attenzione e si fa notare: The Politician. La serie è stata ampiamente pubblicizzata, anche su social network della piattaforma streaming. Ad oggi ha riscosso un notevole successo, spingendo anche i fan a chiedere quando la seconda stagione sarà finalmente disponibile. The Politician è un serie che ha fatto parlare molto di sé per diversi motivi, tra i quali la scelta dei protagonisti e la trama che si estende per otto puntate nella prima stagione.

Trama e cast di The Politician

La serie è stata ideata da Ryan Murphy , Brad Falchuck e Ian Brennan ed è ambientata a Santa Barbara, in California.

La trama di The Politician è alquanto semplice: un ragazzo, Payton Hobart, ha l’ambizione di diventare presidente degli Stati Uniti. Nella sua corsa alla Casa Bianca ci sono diversi step da raggiungere, uno dei quali è la vittoria delle elezioni nella propria scuola. Payton infatti si candiderà per la rappresentanza d’istituto, ma sarà dapprima ostacolato da River Barkley, suo amante segreto e insegnante di mandarino, e dopo il suicidio di lui, dalla sua fidanzata Astrid. Il percorso si presenta pieno di ostacoli, in quanto Payton si troverà spesso al centro di intrighi e scandali che metteranno in pericolo il successo finale. Tuttavia la sua ambizione lo accompagnerà durante tutta la campagna elettorale.

Il cast di The Politician presenta interessanti promesse per il cinema, in quanto è composto per la maggior parte da giovani attori. I nomi più interessanti sono sicuramente quello di Ben Platt, che interpreta il protagonista Payton Hobart, Zoey Deutch che veste i panni di Infinity Jackson, una ragazza alla quale viene fatto credere che sia affetta da cancro e Lucy Boynton che recita nel ruolo di Astrid Sloan, avversaria di Payton alle elezioni.

La satira dietro The Politician

The Politician ha ricevuto un discreto grado di apprezzamento tra i fan. Tuttavia è importante sottolineare che nel momento in cui si guarda la serie bisogna capirla. Bisogna infatti scavare e andare al di là delle singole scene, non ci si può fermare alla risata davanti alle scene demenziali e alla lacrimuccia davanti a quelle un po’ più tristi. The Politician infatti è permeato dalla satira che va a pungere l’elite americana, la parte più ricca della popolazione. Vengono presi in giro i ricchi nelle loro abitudini, nei loro modi di fare e nei loro limiti. I personaggi vengono caricati e portati a delle forme di eccesso di loro stessi.

Un altro messaggio molto importante è quello che esprime con violenza il concetto dei soldi che non rendono felici. Nella serie ci sono diversi personaggi che pur vivendo nell’agio della loro ricchezza lo ripudiano per vivere nuove esperienze lontani dalla sfera di comfort. Un esempio è Astrid, che dopo un’intera stagione immersa nei propri averi, la troviamo nell’ultima puntata occupata a servire un tavolo come cameriera per propria scelta. Ricordiamo anche la madre di Payton, che dopo aver trascorso un’intera vita al fianco di un uomo che non l’ha mai soddisfatta e che non ha mai amato, va a convivere con una donna in una vita semplice.

 

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.