Chi è Martin Scorsese: biografia, filmografia, successi e vita privata del regista di The Irishman

Chi è Martin Scorsese: biografia, filmografia, successi e vita privata del regista di The Irishman

Martin Scorsese è, senza alcun dubbio, uno dei registi sceneggiatori produttori cinematografici più celebri di sempre. Il regista, nato a New York il 17 novembre del 1942, ma con cittadinanza italiana, ha fatto la storia del cinema grazie ai suoi numerosissimi capolavori, oltre che grazie ad uno stile unico e rappresentativo della sua figura e del suo modo di pensare e realizzare il cinema. L’esponente della New Hollywood è considerato, non a caso, come uno dei nomi più rappresentativi e influenti della storia del cinema, grazie ad alcuni capolavori di grandissimo valore, come Taxi Driver, The Departed, Shutter Island e tanti altre ancora. Il premio Oscar alla miglior regia nel 2007, ottenuto per The Departed, è soltanto uno dei numerosi riconoscimenti che sono stati destinati al newyorkese nell’ambito della sua carriera. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito di Martin Scorsese, tra biografia, successi, vita privata e grandi capolavori.

Biografia di Martin Scorsese: infanzia e primi anni

Martin Scorsese è nato il 17 novembre del 1942 a Flushing, un quartiere di New York, figlio di Luciano Charles Scorsese e di Catherine Cappa. Nato in una famiglia piuttosto umile, i suoi genitori lavoravano rispettivamente presso una lavanderia e una sartoria, mentre i nonni sia materni che paterni del regista erano immigrati italiani originari della provincia di Palermo, e giunti negli Stati Uniti agli inizi del ventesimo secolo; dopo aver vissuto una prima parte della sua vita nel quartiere del Queens, Martin Scorsese e la sua famiglia sono stati costretti a cambiare dimora, e a tornare a Manhattan, presso Elizabeth Street, una delle vie principali della Little Italy, dove Martin Scorsese ha fatto fatica ad integrarsi a causa della sua asma e della piccola stazza, che non hanno reso possibile il suo avvicinamento a gang della zona.

Tuttavia, all’interno della Little Italy in cui ha vissuto, Martin Scorsese ha avuto modo di rapportarsi ai generi neorealista e western, sviluppando una forte credenza religiosa e avvicinandosi a gran parte dei processi della cultura italiana del tempo. Nel 1956, dopo aver studiato per diventare prete, ha iniziato a maturare la voglia di dedicarsi al cinema, e nel 1960 si è iscritto al corso di cinematografia della New York University, dove ha diretto i suoi primi cortometraggi divenendo, ben presto, un simbolo particolarmente richiesto all’interno delle prestigiose facoltà universitarie, tra cui i cineasti della New Hollywood. Il suo primo film, Chi sta bussando alla mia porta, del 1969, vive di una gestazione piuttosto complicata, che ha portato il regista ad affrontare diversi problemi relativi alla produzione del film. Dopo il suo primo prodotto cinematografico, Martin Scorsese ha lasciato New York per recarsi ad Hollywood e ottenere primi lavori in cambio di retribuzioni e vaste distribuzione nella Factory di Roger Corman.

Filmografia di Martin Scorsese

La filmografia di Martin Scorsese risulta essere particolarmente emblematica rispetto ai grandi capolavori che il regista statunitense ha realizzato nella sua vita e, soprattutto, rispetto ai prodotti a cui ha dato vita dal 1967 al 2019.

Tutti i film realizzati da Martin Scorsese dal 1967 al 2019

Al fine di comprendere quali siano stati i grandi capolavori realizzati da Martin Scorsese, necessitano di essere considerati tutti i film che il regista newyorkese ha realizzato dal 1967 al 2019, anno in cui si riscontra la sua ultima firma pregevole con il capolavoro The Irishman, nominato agli Oscar tra i migliori film dell’anno. Ecco quali sono tutti i film realizzati da Martin Scorsese:

  • Chi sta bussando alla mia porta (Who’s That Knocking at My Door) (1967)
  • America 1929 – Sterminateli senza pietà (Boxcar Bertha) (1972)
  • Mean Streets – Domenica in chiesa, lunedì all’inferno (Mean Streets) (1973)
  • Alice non abita più qui (Alice Doesn’t Live Here Anymore) (1974)
  • Taxi Driver (1976)
  • New York, New York (1977)
  • L’ultimo valzer (The Last Waltz) (1978)
  • Toro scatenato (Raging Bull) (1980)
  • Re per una notte (The King of Comedy) (1983)
  • Fuori orario (After Hours) (1985)
  • Il colore dei soldi (The Color of Money) (1986)
  • L’ultima tentazione di Cristo (The Last Temptation of Christ) (1988)
  • Quei bravi ragazzi (Goodfellas) (1990)
  • Cape Fear – Il promontorio della paura (Cape Fear) (1991)
  • L’età dell’innocenza (The Age of Innocence) (1993)
  • Casinò (Casino) (1995)
  • Kundun (1997)
  • Al di là della vita (Bringing Out the Dead) (1999)
  • Gangs of New York (2002)
  • The Aviator (2004)
  • The Departed – Il bene e il male (The Departed) (2006)
  • Shutter Island (2010)
  • Hugo Cabret (Hugo) (2011)
  • The Wolf of Wall Street (2013)
  • Silence (2016)
  • The Irishman (2019)

Dall’Oscar ai Golden Globe: tutti i riconoscimenti ottenuti da Martin Scorsese

Per quanto possa sembrare come poco significativo rispetto ad una carriera di grandissimi successi, ricordare i quali siano stati i premi e i riconoscimenti ottenuti da Martin Scorsese nell’ambito della sua carriera risulta essere fondamentale sia per determinare il successo della sua figura, sia per scansionare e ricordare i migliori momenti nella carriera dello statunitense. Tra i riconoscimenti ottenuti da Martin Scorsese figurano il premio Oscar del 2007 per la miglior regia di The Departed – Il bene e il male. Nell’ambito dei Golden Globe, invece, il regista sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense ha ottenuto quattro premi: nel 2003 per la miglior regia in Gangs of New York, nel 2007 per la miglior regia di The Departed – Il bene e il male, nel 2010 il Golden Globe alla carriera e nel 2012 per la miglior regia di Hugo Cabret. Infine, meritano di essere sottolineati anche i tre premi BAFTA ottenuti nel 1991, per il miglior film, La miglior regia e la miglior sceneggiatura non originale di Quei bravi ragazzi. Questi premi si aggiungono alle numerosissime candidature che il regista ha ottenuto dal 1981, per Toro scatenato, al 2020, per The Irishman.

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.