I cinema drive-in sono destinati a sostituire le sale cinematografiche nel post pandemia

coronavirus, drive in, tenet, christopher nolan

Una pratica che ha preso piede, soprattutto in America è quella di andare al drive-in per godersi un buon film mantenendo le distanze di sicurezza. Il funzionamento del drive-in infatti permette di restare nelle proprie auto e guardare tranquillamente un film con la propria famiglia. Se si resta in auto infatti, il pericolo di contagio da coronavirus è decisamente ridotto. A causa dei decreti legge emanati in Italia, la libera circolazione non è ancora consentita se non per casi di necessità, di conseguenza nel nostro paese ancora nessuno ha in mente di andare a vedere un film. Ma questa soluzione probabilmente sarà quella più in voga nel momento in cui finirà il periodo di quarantena. Almeno per un certo lasso di tempo quindi, i drive-in saranno destinati a sostituire le sale cinematografiche.

Coronavirus e drive-in: le parole di John Watzke

Quando la partecipazione al drive-in di Ocala in Florida è risultata in aumento, è stato chiesto al suo proprietario John Watzke cosa ne pensasse. È infatti uno dei pochi teatri all’aperto in tutto il paese rimasto aperto durante le misure di soggiorno a casa, e John Watzke ha detto che la gente fa due o tre ore di auto per visitare il cinema.

In questo periodo dell’anno normalmente non esaurirei [i biglietti] perché i bambini sono a scuola e cose del genere, ma sto scoprendo che il venerdì e il sabato riempio il drive-in e devo allontanare le persone“.

Con molte incertezze finanziarie e confinati nelle loro case incapaci di vedere amici e parenti a causa del virus, voleva fornire uno sbocco. Sin dallo scoppio della pandemia ha introdotto nuove misure di sicurezza, tra cui dimezzare la capacità da 460 a 250 posti, chiedendo ai dipendenti di indossare maschere e guanti e spostando gli ordini di cibo online, che vengono poi consegnati ai veicoli. Controllano anche la temperatura dei dipendenti ogni tre ore.

Se non avessi la sensazione che gli ospiti e il mio staff fossero perfettamente al sicuro, non l’avrei fatto” Ha concluso Watzke.

Quando riapriranno i cinema? La situazione in America

Lo scorso fine settimana c’erano circa 25 drive-in aperti negli Stati Uniti, secondo la United Drive-In Theater Owners Association (UDITOA), con un aumento di circa cinque nel fine settimana precedente. Si aspettano che quel numero continui a crescere ogni settimana. Nel frattempo, la maggior parte dei 5.548 cinema indoor americani rimangono chiusi. La National Association of Theatre Owners ha dichiarato che, a seconda delle condizioni e della guida dei funzionari, la maggior parte dei teatri al coperto “punta provvisoriamente” ad aprire a fine giugno o all’inizio di luglio, in tempo per l’uscita del film Tenet di Christopher Nolan.

Di quelli che sono aperti, i drive-in stanno già assistendo a una spinta dopo il coronavirus, che si aspettano che duri oltre l’immediata crisi, poiché le persone cercano di distrarsi, mantenendo però sempre una certa distanza sociale.

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.