Non ci saranno nuove uscite su Netflix per tutto il 2020? Ted Sarandos tranquillizza gli abbonati

netflix, ted sarandos, cinema,

Il problema più urgente che le aziende di intrattenimento di tutto il mondo si trovano ad affrontare è la programmazione del resto dell’anno. La produzione sui set in tutto il mondo si è completamente interrotta, i film sono in ritardo su base settimanale, poiché i teatri e i cinema rimangono chiusi e i decreti provenienti dagli enti governativi rimangono. Alcuni analisti e addetti ai lavori del settore hanno già prospettato per il 2020 una cancellazione totale per quasi tutte le società, tranne una: Netflix. In che modo la piattaforma streaming si prepara ad affrontare forse l’anno più duro per l’intero settore dell’intrattenimento?

Abbiamo film e serie TV già pronte per tutto il 2020” dice Ted Sarandos, Chief Content Officer di Netflix

Mentre Disney, Warner Bros., Sony, Universal, Paramount e altri continuano a rinviare i loro programmi per cercare di salvare parte dell’anno, anche spostando alcuni titoli dalle uscite teatrali alle esclusive digitali, Netflix continua come al solito. La società è sicura di avere abbastanza contenuti per durare per tutto il 2020 senza dover modificare gran parte della sua lista o ridurre la velocità delle sue uscite.

La nostra serie di film e serie del 2020 è in gran parte girata“, ha detto Ted Sarandos, Chief Content Officer della società agli analisti durante gli utili trimestrali della società di ieri , “e sono in fase di post-produzione in sedi in tutto il mondo. E in realtà siamo abbastanza in avanti nella nostra lavagna programmi del 2021. Non prevediamo di spostare molto il programma, e certamente non accadrà ciò nel 2020.

Come agisce Netflix nella distribuzione dei suoi contenuti?

Netflix si trova in una posizione particolarmente favorevole sia dal punto di vista televisivo che cinematografico. A differenza di Disney, Universal, Paramount, Sony e Warner Bros., Netflix non distribuisce i suoi film nelle sale. Non deve preoccuparsi della chiusura dei cinema, degli accordi in corso con la National Association of Theatre Owners (l’altra NATO) o dei cambiamenti del comportamento dei consumatori che potrebbero influire sul numero di persone che vanno al cinema anche quando i cinema riapriranno. Anche se le sale riapriranno nel 2020, gli studi potrebbero spostare i loro film più grandi al 2021 poiché il pubblico potrebbe non essere disposto ad andare a sedersi nei cinema immediatamente, anche se glielo è permesso.

Nonostante la posizione di vantaggio, Netflix sta cercando il modo di aiutare le dirette concorrenti. Semplicemente permettendo agli utenti della piattaforma di scaricare il film che sarebbe destinato alle sale cinematografiche, dietro un compenso monetario. Si tratterebbe difatti di pagare la cifra corrispondente al prezzo di un biglietto al cinema. Tuttavia questa grande novità è ancora in fase di sviluppo e non è ancora chiaro se effettivamente andrà in porto.

 

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.