Vincent Cassel: “I film Marvel? Sono per bambini”

Vincent Cassel Marvel

Attraverso le sue ultime dichiarazioni che ha rilasciato nel corso di una delle sue ultime più significative interviste, Vincent Cassel ha riaperto una polemica che sembrava essere chiusa tempo fa, a seguito delle dichiarazioni di Martin Scorsese e di altri cineasti. Per rinfrescare la memoria di coloro che non ricorderanno di questa stessa polemica, il celebre regista hollywoodiano e i suoi colleghi nell’ambito cinematografico avevano dichiarato che i film della Marvel e della dissi fossero un qualcosa di non definibile davvero come cinematografia. In particolar modo, il regista che ha collaborato a lungo con Robert De Niro e Leonardo Di Caprio, ha sottolineato quale sia il suo disprezzo nei confronti di prodotti cinematografici simili, premendo su una ferita ancora aperta dopo le ultime dichiarazioni nel mondo di Hollywood, Vincent Cassel ha dichiarato che i film della Marvel e della DC sono per bambini, e che rifiuterebbe ogni ruolo se venisse ingaggiato per una parte all’interno di questi film stessi, a meno che non ci siano le condizioni necessarie per parlare di un vero e proprio progetto significativo nei suoi intenti. Vi riportiamo le sue dichiarazioni all’interno di questo articolo.

Le dichiarazioni di Vincent Cassel sui film della Marvel e della DC

 

“I film di supereroi Marvel e DC non mi dicono più niente, non mi interesserebbe far parte di un progetto di quel tipo perché sono film per bambini. Se devo dire la verità, non guardo più questo tipo di film. Quando sono usciti, con tutta questa tecnologia e l’idea che all’improvviso Iron Man o Spider-Man potessero apparire come persone reali e non supereroi bidimensionali, ero interessato. Poi la situazione si è normalizzata. Da ragazzino ero un grande fan dei fumetti. E anche se ho ancora una parte fanciullesca in me, se oggi mi offrissero uno di quei ruoli direi di no. Non è un film che guarderei.”

La carriera di Vincent Cassel

La carriera di Vincent Cassel è iniziata nel 1993, con il suo impegno cinematografico che ha seguito le prime e piccole comparse in alcuni lavori francesi. Nell’ambito della sua filmografia, molto spesso l’attore francese ha ricoperto ruoli di personaggi duri, spregiudicati e violenti. In tale ottica, le interpretazioni più celebri, che gli sono valsi il successo che ancora oggi gli si riconosce, sono quelle del contadino grottesco e bifolco nel film horror da lui prodotto Sheitan e quello del killer russo nella thriller di David Cronenberg La promessa dell’assassino.

Filmografia di Vincent Cassel: i film dell’attore francese

Di seguito, sono riportati i film di Vincent Cassel, direttamente parte della sua filmografia.

  • Les cigognes n’en font qu’à leur tête, regia di Didier Kaminka (1989)
  • Les clés du paradis, regia di Philippe de Broca (1991)
  • Meticcio (Métisse), regia di Mathieu Kassovitz (1993)
  • Ainsi soient-elles, regia di Patrick Alessandrin e Lisa Azuelos (1995)
  • Jefferson in Paris, regia di James Ivory (1995)
  • L’odio (La haine), regia di Mathieu Kassovitz (1995)
  • Adultère, mode d’emploi, regia di Christine Pascal (1995)
  • L’appartamento (L’appartement), regia di Gilles Mimouni (1996)
  • L’élève, regia di Olivier Schatzky (1996)
  • Dobermann, regia di Jan Kounen (1997)
  • Come mi vuoi, regia di Carmine Amoroso (1997)
  • Il piacere e i suoi piccoli inconvenienti (Le plaisir (et ses petits tracas)), regia di Nicolas Boukhrief (1998)
  • Elizabeth, regia di Shekhar Kapur (1998)
  • Unruly – Nessuna regola (Méditerranées), regia di Philippe Bérenger (1999)
  • Giovanna d’Arco (Joan of Arc), regia di Luc Besson (1999)
  • Guest House Paradiso, regia di Adrian Edmondson (1999)
  • I fiumi di porpora (Les rivières pourpres), regia di Mathieu Kassovitz (2000)
  • Il patto dei lupi (Le pacte des loups), regia di Christophe Gans (2001)
  • Birthday Girl, regia di Jez Butterworth (2001)
  • Sulle mie labbra (Sur mes lèvres), regia di Jacques Audiard (2001)
  • Irréversible, regia di Gaspar Noé (2002)
  • The Reckoning – Percorsi criminali (The Reckoning), regia di Paul McGuigan (2002)
  • Blueberry, regia di Jan Kounen (2004)
  • Agents secrets, regia di Frédéric Schoendoerffer (2004)
  • Ocean’s Twelve, regia di Steven Soderbergh (2004)
  • Derailed – Attrazione letale (Derailed), regia di Mikael Håfström (2005)
  • Sheitan, regia di Kim Chapiron (2006)
  • Ocean’s Thirteen, regia di Steven Soderbergh (2007)
  • La promessa dell’assassino (Eastern Promises), regia di David Cronenberg (2007)
  • Sa Majesté Minor, regia di Jean-Jacques Annaud (2007)
  • Nemico pubblico N. 1 – L’istinto di morte (L’instinct de mort), regia di Jean-François Richet (2008)
  • Nemico pubblico N. 1 – L’ora della fuga (L’ennemi public n°1), regia di Jean-François Richet (2008)
  • À deriva, regia di Heitor Dhalia (2009)
  • Il cigno nero (Black Swan), regia di Darren Aronofsky (2010)
  • Notre jour viendra, regia di Romain Gavras (2010)
  • A Dangerous Method, regia di David Cronenberg (2011)
  • Il monaco (Le Moine), regia di Dominik Moll (2011)
  • In trance, regia di Danny Boyle (2013)
  • La bella e la bestia (La belle & la bête), regia di Christophe Gans (2014)
  • Rio, eu te amo, registi vari (2014)
  • Partisan, regia di Ariel Kleiman (2015)
  • Child 44 – Il bambino n. 44 (Child 44), regia di Daniel Espinosa (2015)
  • Il racconto dei racconti – Tale of Tales, regia di Matteo Garrone (2015)
  • Mon roi – Il mio re (Mon roi), regia di Maïwenn (2015)
  • Un momento di follia (Un moment d’égarement), regia di Jean-François Richet (2015)
  • È solo la fine del mondo (Juste la fin du monde), regia di Xavier Dolan (2016)
  • Jason Bourne, regia di Paul Greengrass (2016)
  • O Filme da Minha Vida, regia di Selton Mello (2017)
  • Gauguin – Voyage de Tahiti, regia di Edouard Deluc (2017)
  • Black Tide – Un caso di scomparsa (Black Tide), regia di Érick Zonca (2018)
  • Default (Gukgabudo-ui Nal), regia di Choi Kook-Hee (2018)
  • O Grande Circo Místico, regia di Carlos Diegues (2018)
  • Il mondo è tuo (Le monde est à toi), regia di Romain Gavras (2018)
  • Hors normes, regia di Olivier Nakache e Éric Toledano (2019)
  • Underwater, regia di William Eubank (2020)

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.