Chi è Maggie Smith, l’attrice di Minerva McGranitt in Harry Potter che ha vinto due Premi Oscar

Chi è Maggie Smith, l'attrice di Minerva McGranitt in Harry Potter che ha vinto due Premi Oscar

Maggie Smith è un’attrice britannica nota sul grande schermo per numerose interpretazioni di grandissimo livello, che l’hanno portato al successo e alla celebrità in tutto il mondo. Si tratta, tutt’oggi, di una delle attrici cinematografiche britanniche più amate nel panorama globale; tra i ruoli che l’hanno portato al grande successo c’è, sicuramente, quello di Minerva McGranitt all’interno della saga di Harry Potter, che si accompagna ad altre pellicole – come La strana voglia di Jean e California Suite – per cui ha ottenuto l’Oscar. Maggie Smith è, insieme a Helen Hayes, Ingrid Bergman, Meryl Streep, Jessica Lange, Cate Blanchett e Renée Zellweger, l’unica attrice ad aver vinto l’Oscar come miglior protagonista e migliore non protagonista.

Biografia di Maggie Smith e successo teatrale

Nata a Ilford (Essex) nel 1934 da Nathaniel Smith e Margaret Hutton Little, Maggie Smith è un’attrice britannica particolarmente nota nel panorama cinematografico mondiale, oltre che una delle attrici più rappresentative all’interno della cultura britannica. La Smith, nota per alcune delle sue prove attoriali cinematografiche, ha esordito come attrice teatrale, facendosi notare come interprete sheakspeariana di grandissimo livello. 

Il suo esordio cinematografico c’è stato con ruoli attoriali minori, che l’hanno resa sempre più celebre all’interno del panorama del grande schermo, prima della consacrazione definitiva avvenuta all’età di trenta anni, con il ruolo di Desdemona in Otello, del 1965, in cui l’attrice ha affiancato Laurence Olivier venendo notata e lodata dalla critica, tanto da ottenere nomination ai Golden Globe e agli Oscar. 

Filmografia di Maggie Smith

Maggie Smith ha avuto modo di recitare, nell’ambito della sua carriera, all’interno di numerosi prodotti cinematografici di grandissimo valore, che gli sono valsi – tra le numerose candidature – anche due Premi Oscar, ottenuti per La strana voglia di Jean e California Suite, rispettivamente per essere stata la migliore attrice protagonista e la miglior attrice non protagonista. Di seguito, sono riportati i prodotti facenti parte della filmografia di Maggie Smith. 

Film in cui ha recitato Maggie Smith: Harry Potter e non solo

I prodotti cinematografici all’interno dei quali ha recitato Maggie Smith sono molteplici, e hanno visto l’attrice presente all’interno di numerose pellicole a partire dal 1958, per quanto sia presente un ruolo – in Child in the House, con regia di Cy Endfield – che non è stato accreditato. Seguono i film in cui ha recitato Maggie Smith nella sua carriera:

  • Senza domani (Nowhere to Go), regia di Seth Holt (1958)
  • I cinque ladri d’oro (Go to Blazes), regia di Michael Truman (1962)
  • International Hotel (The V.I.P.s), regia di Anthony Asquith (1963)
  • Frenesia del piacere (The Pumpkin Eater), regia di Jack Clayton (1964)
  • Il magnifico irlandese (Young Cassidy), regia di Jack Cardiff (1965)
  • Otello (Othello), regia di Stuart Burge (1965)
  • Masquerade (The Honey Pot), regia di Joseph L. Mankiewicz (1967)
  • Milioni che scottano (Hot Millions), regia di Eric Till (1968)
  • La strana voglia di Jean (The Prime of Miss Jean Brodie), regia di Ronald Neame (1969)
  • Oh, che bella guerra! (Oh! What a Lovely War), regia di Richard Attenborough (1969)
  • In viaggio con la zia (Travels with My Aunt), regia di George Cukor (1972)
  • Amore e dolore e tutto quel dannato pasticcio (Love and Pain and the Whole Damn Thing), regia di Alan J. Pakula (1973)
  • Invito a cena con delitto (Murder by Death), regia di Robert Moore (1976)
  • Assassinio sul Nilo (Death on the Nile), regia di John Guillermin (1978)
  • California Suite, regia di Herbert Ross (1978)
  • Quartet, regia di James Ivory (1981)
  • Scontro di titani (Clash of the Titans), regia di Desmond Davis (1981)
  • Delitto sotto il sole (Evil Under the Sun), regia di Guy Hamilton (1982)
  • Il missionario (The Missionary), regia di Richard Loncraine (1982)
  • Profumo di mare (Better Late Than Never), regia di Bryan Forbes (1982)
  • Per amore di Lily (Lily in Love), regia di Károly Makk (1984)
  • Pranzo reale (A Private Function), regia di Malcolm Mowbray (1984)
  • Camera con vista (A Room with a View), regia di James Ivory (1985)
  • La segreta passione di Judith Hearne (The Lonely Passion of Judith Hearne), regia di Jack Clayton (1987)
  • Hook – Capitan Uncino (Hook), regia di Steven Spielberg (1991)
  • Sister Act – Una svitata in abito da suora (Sister Act), regia di Emile Ardolino (1992)
  • Il giardino segreto (The Secret Garden), regia di Agnieszka Holland (1993)
  • Sister Act 2 – Più svitata che mai (Sister Act 2: Back in the Habit), regia di Bill Duke (1993)
  • Riccardo III (Richard III), regia di Richard Loncraine (1995)
  • Il club delle prime mogli (The First Wives Club), regia di Hugh Wilson (1996)
  • Washington Square – L’ereditiera, regia di Agnieszka Holland (1997)
  • Amori e ripicche (Curtain Call), regia di Peter Yates (1998)
  • Un tè con Mussolini, regia di Franco Zeffirelli (1999)
  • Last September, regia di Deborah Warner (1999)
  • Harry Potter e la pietra filosofale (Harry Potter and the Sorcerer’s Stone), regia di Chris Columbus (2001)
  • Gosford Park, regia di Robert Altman (2001)
  • I sublimi segreti delle Ya-Ya sisters (Divine Secrets of the Ya-Ya Sisterhood), regia di Callie Khouri (2002)
  • Harry Potter e la camera dei segreti (Harry Potter and the Chamber of Secrets), regia di Chris Columbus (2002)
  • Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (Harry Potter and the Prisoner of Azkaban), regia di Alfonso Cuarón (2004)
  • Ladies in Lavender, regia di Charles Dance (2004)
  • Harry Potter e il calice di fuoco (Harry Potter and the Goblet of Fire), regia di Mike Newell (2005)
  • La famiglia omicidi (Keeping Mum), regia di Niall Johnson (2005)
  • Becoming Jane – Il ritratto di una donna contro (Becoming Jane), regia di Julian Jarrold (2007)
  • Harry Potter e l’Ordine della Fenice (Harry Potter and the Order of the Phoenix), regia di David Yates (2007)
  • Harry Potter e il principe mezzosangue (Harry Potter and the Half-Blood Prince), regia di David Yates (2009)
  • Il segreto di Green Knowe (From Time to Time), regia di Julian Fellowes (2009)
  • Tata Matilda e il grande botto (Nanny McPhee and the Big Bang), regia di Susanna White (2010)
  • Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2 (Harry Potter and the Deathly Hallows: Part II), regia di David Yates (2011)
  • Marigold Hotel (The Best Exotic Marigold Hotel), regia di John Madden (2012)
  • Quartet, regia di Dustin Hoffman (2012)
  • My Old Lady, regia di Israel Horovitz (2014)
  • Ritorno al Marigold Hotel (The Second Best Exotic Marigold Hotel), regia di John Madden (2015)
  • The Lady in the Van, regia di Nicholas Hytner (2015)
  • Un tè con le regine – Quattro attrici si raccontano (Nothing Like a Dame), regia di Roger Michell – documentario (2018)
  • Downton Abbey, regia di Michael Engler (2019)
  • A Boy Called Christmas, regia di Gil Kenan (2020)

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.