Festival di Venezia 2021: Bon Joon-ho, regista di Parasite, sarà il Presidente della Giuria

Festival di Venezia 2021: Bon Joon-ho, regista di Parasite, sarà il Presidente della Giuria

Una grande notizia per tutti gli amanti del cinema e della cinematografia che, nell’ambito degli Oscar del 2020, si sono ritrovati di fronte a un vero e proprio capolavoro cinematografico, Parasite, che ha trionfato nell’ambito degli Academy Awards, sconvolgendo il pubblico e gli addetti ai lavori per l’incredibile numero di statuette vinte. Il regista coreano è riuscito, con il suo lavoro cinematografico, a vincere il premio come miglior regista, miglior film, miglior film internazionale e migliore sceneggiatura originale. A queste grandi certificazioni se ne aggiunge una ulteriore, che riguarda direttamente la cinematografia italiana e che porterà Bong Joon-ho, il regista coreano di Parasite, ad essere il Presidente della giuria al Festival di Venezia 2021; il regista presiederà la giuria internazionale di Venezia 78 , composta da 7 personalità del cinema e della cultura di diversi paesi in tutto il mondo, e si occuperà di assegnare il Leone d’Oro per il miglior film e altri premi di grande valore all’interno della ambita manifestazione cinematografica. Un grande obiettivo raggiunto, dunque, per il regista coreano oltre che una grande soddisfazione per il Festival di Venezia, che si è espresso attraverso le parole di Alberto Barbera, direttore del festival, che ha avuto modo di complimentarsi per la scelta effettuata. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito del lieto evento che rallegrerà, senza dubbio, gli amanti del cinema.

Bong Joon-ho sarà Presidente della Giuria al Festival di Venezia 2021

Una nomina di grande livello è quella che ha riguardato il Festival di Venezia del 2021, la 78esima edizione della manifestazione cinematografica che sarà presieduta da Bong Joon-ho, regista coreano che risulta essere uno dei nomi più importanti della cinematografia mondiale, tanto da essere stato posizionato, da Metacritic, al numero 13 nella lista riguardante i migliori 25 registi del XXI secolo; il regista sceneggiatore e produttore cinematografico sudcoreano ha ottenuto un successo planetario con la vittoria di 4 Oscar per Parasite, nelle sezioni di miglior film, miglior film straniero, miglior regista e miglior sceneggiatura originale, a cui si aggiungono il Golden Globe per il miglior film in lingua straniera e i due BAFTA per la migliore sceneggiatura originale e il miglior film non in lingua inglese.

Tutte queste vittorie sottolineano soltanto parte del grandissimo successo che il regista sudcoreano ha ottenuto nell’ambito della sua carriera, realizzando lavori cinematografici di grande valore, come Memories of Murder, Madre, Snowpiercer e, chiaramente, Parasite del 2019. Adesso, una ulteriore certificazione è stata dettata dalla sua nomina nell’ambito del Festival di del 2021. Bong Joon-ho presiederà la giuria di Venezia 78, che si occuperà di affidare il Leone d’Oro al miglior film presentato in concorso, oltre che numerosi altri premi che definiranno i lavori cinematografici più importanti che saranno presentati nell’ambito della manifestazione stessa.

Vale la pena, per questo motivo, sottolineare quali siano state le sue dichiarazioni a proposito: “La Mostra di Venezia porta con sé una lunga e ricca storia, e sono onorato di essere coinvolto nella sua meravigliosa tradizione cinematografica. Come presidente della Giuria – e soprattutto come incorreggibile cinefilo – sono pronto ad ammirare e applaudire tutti i grandi film selezionati dal festival. Sono pieno di autentica gioia e di speranza.”

Le dichiarazioni di Alberto Barbera, direttore del Festival di Venezia 2021, sulla nomina di Bong Joon-ho

Alberto Barbera, direttore del Festival di Venezia 2021, ha avuto modo di commentare la nomina di Bong Joon-ho, regista del capolavoro Parasite, che ha fatto incetta di Oscar in occasione della manifestazione cinematografica del 2020 il regista coreano presiederà la giuria internazionale di Venezia 78, la quale assegnerà i premi piuttosto importanti, come il Leone d’Oro per il miglior film; per questo motivo, non c’è nulla di meglio che un regista acclamato come il coreano in grado di presiedere sette esperti di cinema e di culture in tutto il mondo, che giudicheranno alcuni lavori cinematografici e che saranno in grado di offrire un prestigioso riconoscimento per i migliori lavori che saranno effettuati e sottoposti alla giuria del Festival di Venezia del 2021.

Per questo motivo, Alberto Barbera ha voluto esprimere tutta la sua felicità a proposito della importante nomina effettuata: “La prima, bella notizia della 78a edizione della Mostra del Cinema di Venezia è che Bong Joon-ho ha aderito con entusiasmo alla proposta di presiederne la Giuria. Il grande regista coreano è oggi una delle voci più autentiche e originali del cinema d’autore mondiale. Gli sono immensamente grato per aver accettato di mettere la sua passione di cinefilo attento, curioso e privo di pregiudizi, al servizio del nostro festival. È un piacere e un onore poter condividere la felicità di questo momento con i tantissimi ammiratori dei suoi film straordinari, disseminati ovunque. La scelta di affidare la Giuria, per la prima volta nella sua storia, alla guida di un cineasta coreano è anche la conferma che l’appuntamento veneziano  guarda al cinema di tutto il mondo, e che i registi di ogni Paese sanno di poter trovare a Venezia la loro seconda casa.”

About the Author

Bruno Santini
Appassionato di musica, cinema e letteratura. Esperto articolista di news e attualità, specie per quanto riguarda il mondo del grande schermo.