Film Independent Spirit Awards: le nomination dell’edizione 2023

Film Independent Spirit Awards: di seguito tutte le nomination dell'edizione 2023

Sono stati annunciati i film candidati ai Film Independent Spirit Awards edizione 2023. L’evento è messo in piedi dall’organizzazione no-profit IFP/West, e assegnerà i premi nelle varie categorie il giorno 4 marzo 2023 sulla spiaggia del molo di Santa Monica. Ecco tutte le informazioni a riguardo, e le nomination ai Film Independent Spirit Awards.

Film Independent Spirit Awards: tutte le nomination 2023

I Film Independent Spirit Awards sono premi assegnati a film che possono definirsi indipendenti per la produzione il cui budget è al massimo di 30 milioni, il che rappresenta una novità siccome nelle precedenti edizioni ci si fermava a meno. A guidare le nomination dell’edizione 2023, c’è il film dei Daniels, Everything Everywhere All At Once, prodotto dalla A24. Ha raccolto 8 nomination in categorie anche principali, ampliando il suo successo non solo in chiave economica ma anche in chiave critica. Segue Bones And All di Luca Guadagnino, con 3 candidature all’attivo.

Tra le novità dell’edizione 2023 dei Film Independent Spirit Awards, l’eliminazione della distinzione di sesso per i premi attoriali, l’introduzione delle nuove categorie Best Lead Performance e Best Supporting Performance con 10 candidati a testa.

Di seguito tutte le nomination in ogni categoria:

Miglior Film


“Bones and All”

“Everything Everywhere All at Once”

“Our Father, the Devil”

“TÁR”

“Women Talking”

Miglior Regista


Todd Field, “TÁR”

Kogonada, “After Yang”

Daniel Kwan and Daniel Scheinert, “Everything Everywhere All at Once”

Sarah Polley, “Women Talking”

Halina Reijn, “Bodies Bodies Bodies”

Miglior film d’esordio

“Aftersun”

“Emily the Criminal”

“The Inspection”

“Murina”

“Palm Trees and Power Lines”

Migliore interpretazione da protagonista


Cate Blanchett, “TÁR”

Dale Dickey, “A Love Song”

Mia Goth, “Pearl”

Regina Hall, “Honk for Jesus, Save Your Soul”

Paul Mescal, “Aftersun”

Aubrey Plaza, “Emily the Criminal”

Jeremy Pope, “The Inspection”

Taylor Russell, “Bones and All”

Andrea Riseborough, “To Leslie”

Michelle Yeoh, “Everything Everywhere All at Once”

Migliore interpretazione da non protagonista


Jamie Lee Curtis, “Everything Everywhere All at Once”

Brian Tyree Henry, “Causeway”

Nina Hoss, “TÁR”

Brian d’Arcy James, “The Cathedral”

Ke Huy Quan, “Everything Everywhere All at Once”

Trevante Rhodes, “Bruiser”

Theo Rossi, “Emily the Criminal”

Mark Rylance, “Bones and All”

Jonathan Tucker, “Palm Trees and Power Lines”

Gabrielle Union, “The Inspection”

Miglior interpretazione d’esordio


Frankie Corio, “Aftersun”

Gracija Filipović, “Murina”

Stephanie Hsu, “Everything Everywhere All at Once”

Lily McInerny, “Palm Trees and Power Lines”

Daniel Zolghadri, “Funny Pages”

Miglior sceneggiatura


“After Yang”

“Catherine Called Birdy”

“Everything Everywhere All at Once”

“TÁR”

“Women Talking”

Miglior prima sceneggiatura


“Bodies Bodies Bodies”

“Emergency”

“Emily the Criminal”

“Fire Island”

“Palm Trees and Power Lines”

Miglior fotografia


“Aftersun”

“Murina”

“Neptune Frost”

“Pearl”

“TÁR”

Miglior montaggio


“Aftersun”

“The Cathedral”

“Everything Everywhere All at Once”

“Marcel the Shell with Shoes On”

“TÁR”

Robert Altman Award


“Women Talking”

Miglior documentario


“A House Made of Splinters”

“All That Breathes”

“All the Beauty and the Bloodshed”

“Midwives”

“Riotsville USA”

Miglior film internazionale


“Corsage”

“Joyland”

“Leonor Will Never Die”

“Return to Soul”

“Saint Omer”

Premio “someone to watch”


Adamma Ebo, “Honk for Jesus, Save Your Soul”

Nikyatu Jusu, “Nanny”

Araceli Lemos, “Holy Emy”

Premio Truer Than Fiction
Isabel Castro, “Mija”

Reid Davenport, “I Didn’t See You There”

Rebeca Huntt, “Beba (Bayba)”

Premio John Cassavetes


“The African Desperate”

“A Love Song”

“The Cathedral”

“Holy Emy”

“Something in the Dirt”

Premio ai produttori


Liz Cardenas

Tory Lenosky

David Grove Churchill Viste